Approfondimenti

cvb logo joomla gray address arricciata

- L'Occhio (Anatomia oculare)

 

 Com’è fatto il nostro occhio?

 

Struttura dell’occhio.

 

Per diversi aspetti la struttura dell’occhio è simile a quella di un apparecchio fotografico.

La superficie del bulbo oculare è formata da tre strati:

1.Lo strato più esterno è un involucro duro, fibroso e molto resistente, chiamato sclera; funziona come il corpo di un apparecchio fotografico e costituisce la parte bianca dell’occhio, contribuisce a determinarne la forma.

2.Lo strato centrale, la coroide, irrorato dai vasi sanguigni

3.Il più interno, la retina, che presenta vasi sanguigni e cellule fotosensibili con cui  registra le immagini in posizione capovolta e le trasmette alla parte competente della corteccia cerebrale per la loro interpretazione.

- La parte colorata, chiamata iride, funziona come una cerniera e risponde ai mutamenti della luminosità dilatandosi o restringendosi.

- La pupilla è una apertura al centro dell’iride.

- I raggi di luce che entrano nell’occhio attraverso la pupilla sono dapprima focalizzati dalla cornea, cupola trasparente che copre e protegge l’iride, e susseguentemente dal cristallino, collocato dietro la pupilla.

- La cornea è la superficie refrattiva più importante dell’occhio.

- Il cristallino ulteriormente focalizza i raggi di luce sulla retina, che rappresenta la pellicola fotografica degli occhi.

- La forma rotonda dell’occhio è mantenuta da due sostanze: l’umore acqueo, un liquido acquoso nella camera anteriore, e l’umore vitreo, traslucido e giallastro che occupa lo spazio posteriore tra il cristallino e la retina.

- La congiuntiva, un sottile e trasparente strato che copre la sclera, contiene piccoli vasi sanguigni, che fanno assumere all’occhio un aspetto sanguinolento quando esso è infettato o infiammato (congiuntivite).

 

L’occhio si colloca in un incavo osseo del cranio, l’orbita, che serve da supporto e da protezione. Questo spazio è occupato anche da vasi sanguigni, dai muscoli che muovono gli occhi, dalle ghiandole lacrimali che producono lacrime e dal nervo ottico che conduce le immagini dagli occhi al cervello.  (Batshaw, 2002, pag. 162).

 

Le Cellule fotosensibili della retina:

Ci sono due tipi di cellule nervose nella retina: i coni e i bastoncelli, chiamati così per la loro forma differente.

1.I bastoncelli contengono solo un tipo di pigmento fotosensibile e non distinguono i colori.

2.I coni, dai quali dipende la visione dei colori, sono di tre tipi e reagiscono al verde, al rosso e al blu (colori primari).

Stimolati dalla luce, coni e bastoncelli producono segnali elettrici che inducono le cellule nervose a trasmettere gli impulsi al cervello.

 

 

 

 (Selezionare l'immagine con il mouse per attivare lo zoom interno)